33K; Essere un influencer di Instagram

Il buono il brutto e il cattivo

Instagram è di gran lunga la piattaforma di social media più di tendenza. Indipendentemente dalle infinite lamentele sull'algoritmo; tutti continuano a scorrere di più. Qual è la prima cosa che controlli sul tuo telefono quando ti svegli? Qual è l'ultima cosa che guardi prima di andare a letto? Bene, almeno per me è l'app famigerata. Con un rispettabile seguito in piedi a -almost- 33k, essere considerato un influencer è stata una strada sconnessa. Nel breve periodo di due anni, avevo imparato quanto possa essere gratificante e avvincente questa avventura. Continua a leggere le parti buone, cattive e brutte della mia esperienza.

il bene

Sono diventato molto più sicuro di me stesso.

Come qualcuno che si era orgogliosamente identificato come un introverso; Ho imparato a comportarmi meglio in un folto gruppo di persone. Conosci quelle persone che possono semplicemente catturare l'attenzione degli altri, dirigere la conversazione, lasciare alcuni in soggezione per la vivacità del loro personaggio? Questo non è necessariamente un dono della natura. Inizialmente essendo stato esposto a un vasto pubblico, in seguito partecipando a vari eventi di influencer ho imparato a non nascondermi dietro il silenzio in un ambiente di gruppo. Alla prima cena con influencer a cui avevo partecipato, la prima persona che ho incontrato è diventata una buona amica. Questo è Diego di @dandyinthebronx. Da allora ho avuto l'opportunità di incontrare persone straordinarie che si dedicano alla loro nicchia e al loro lato creativo. Quando ci si trova in un ambiente con creativi così grandi, si impara ad essere più sicuri di sé per dire anche solo ciao.

Immagine di @hanakurihara

Ho spinto il perimetro della mia zona di comfort.

Non penso che le persone vadano davvero al di fuori delle loro zone di comfort, imparano solo come allungare il perimetro e imparano a sentirsi a proprio agio con quello che una volta era considerato il contrario. Come accennato in precedenza, rispetto a tali persone creative, ho imparato a mettermi comodo con il disagio. Credevo di poter mostrare la città e ispirare le persone a pianificare qualcosa che altrimenti non avrebbero? No. Pensavo di poter portare il meglio di ciò che questa città ha da offrire ai loro schermi? Diavolo, no. Mi sento a mio agio nel farlo adesso? Accidenti ho ragione. Forse è tempo di espandersi in più città e mostrare più luoghi.

Immagine di @hanakurihara

Mi identifico come una donna d'affari.

Due anni fa, ero un dipendente in un lavoro che amo. Oggi ho ancora quel lavoro come architetto in progress. Eppure, oggi ho anche il mio trambusto laterale che vedo e plasmare come un business. Quando si tratta di difendere il mio lavoro, pagare per il mio lavoro, commercializzare il mio lavoro, sono una donna d'affari che gestisce non solo un account ma un marchio. Quindi, ci vuole tempo per imparare ad affrontare il dire di no ad altre aziende che vogliono la presenza sulla mia pagina gratuitamente. Non fraintendetemi, non lo faccio per soldi, ma per il tempo che serve per coltivare un pubblico e creare un marchio, i vantaggi finanziari sembrano buoni. I miei post sponsorizzati sono in mezzo. Questo perché dico di no spesso. Ho imparato che, alla fine, rimanere fedeli all'autenticità del marchio e presentarsi al pubblico è molto più importante che guadagnare rapidamente da un post sponsorizzato.

Mi sono dedicato all'apprendimento

Molte cose che ho imparato sui social media sono venute dalla costante ricerca. Man mano che il mio account cresce, cresco come persona leggendo di più, analizzando e testando di più. Attraverso podcast aziendali e di marketing ho nutrito le mie capacità. La mia biblioteca ora ha una sezione aggiunta per i libri di auto-miglioramento e marketing. Ho una bacheca Pinterest segreta per tutti i blog e l'imprenditoria. Ho imparato che non si può mai smettere di imparare soprattutto ai giorni nostri, dove le cose stanno cambiando così rapidamente.

il cattivo

Non mi piace andare in un posto che non è instagrammabile.

Sì. Ogni volta che mangio fuori è un'opportunità per un post. Quindi, inutile dire che non mi piace - e a volte direttamente rifiuto - di mangiare fuori soprattutto durante il giorno se non riesco a scattare foto. Un po 'vergognoso, ma poi ho ancora poco tempo libero per uscire e scattare foto in modo da poter pubblicare post per tutta la settimana. Preferisco non spenderlo in uno spazio non instagrammabile. Sul lato più luminoso, non mi interessa dove andiamo se è già buio fuori. Costruire su quel punto; i miei fine settimana ruotano principalmente attorno a Instagram. Pianifico luoghi dove andare e cose da fare in base al loro valore postale.

Sono attaccato al mio telefono

Sul serio. Può essere costante aggiornamento, salvataggio dei messaggi o lettura di qualcosa. Sono attaccato al mio telefono. Parte della ricerca è, ma come si può differenziarla dalla dipendenza quando diventa la terza parte? Nessun tempo di visualizzazione non è facile. Né mettere via il mio telefono durante la cena. Sì, è un'etichetta sociale farlo, ma guardo le mie notifiche più spesso.

Immagine di @hanakurihara

il brutto

Il tuo valore è il tuo numero.

Questo è il tasso di coinvolgimento o il seguente conteggio. O una combinazione dei due. Con un seguito più ampio, il rispetto che si riceve aumenta. Le persone sono generalmente gentili, ma sono più belle a seconda di dove atterri nello spettro del seguente conteggio. Questo è vero per alcuni influenzatori, ma penso che parli alla loro personalità piuttosto che agli influenzatori come gruppo. I marchi d'altra parte sono un problema diverso. Vorrei inserire un disclaimer qui; non sono necessariamente maleducati, significa solo che i tuoi numeri non sono abbastanza alti perché possano lavorare con te. Tutti gestiscono un'attività qui e tutti cercano il proprio interesse. Questa è la brutta verità. Per poter lavorare con i marchi, essere invitato a eventi la mia creatività in sé e per sé non è sufficiente. Devo avere i numeri per supportarlo. Ecco perché è così tagliente quando si tratta di aumentare i tuoi numeri. Leggi insieme, verrò a quella sezione tra poco.

Il dubbio è inevitabile.

So di aver detto di essere diventato più sicuro di me stesso; ma onestamente i due non si escludono a vicenda. La mia pagina di esplorazione è invasa da bellissime ragazze in bikini in luoghi esotici. Mi sento inadeguato per tutto quel maledetto tempo. Più sono davanti alla telecamera, migliore è la connessione con le persone che mi hanno seguito. Eppure, mi sento come se non fossi abbastanza buono per il mio feed più spesso di quanto tu possa pensare. Se fossi più magro, indossassi qualcosa di meglio e sapessi posare meglio, ecc. Ecc. Sì, tutti sono belli come sono e sono grato a coloro che hanno combattuto per cambiare gli standard di bellezza, ma quando si tratta di vedermi quella luce; Non sono all'altezza.

Non credere in tutto ciò che vedi nel tuo feed.

Penso che ci siano due parti in questa sezione. Uno è quando si tratta di immagini, il secondo ai numeri. In termini di foto, uno può renderlo reale o falso come vuole il creatore. Mi sono sempre orientato verso il lato autentico e trasparente, ad esempio nessun photoshoping, nessuna messa a punto del viso ecc. Tuttavia, sarebbe una bugia dire che non mi sentivo scoraggiato quando vedevo immagini perfette. La verità è che è difficile differenziare ciò che è reale e ciò che è manipolato, quindi alla fine la nostra realtà è distorta. Leggi solo di @theslowtraveler di Carolyn Stritch, sperimenta qui come fare un viaggio a Disneyland. Come si può mantenere la verità quando la verità è un bersaglio mobile nella mente del pubblico?

Immagine di @hanakurihara

La creatività prende il secondo posto.

Ai numeri che è. Vedi account che hanno un folle seguito senza un feed che lo giustifica? Sembra essere un influencer è la novità e le competenze necessarie per essere uno vengono ignorate attraverso l'utilizzo di strategie di crescita. La creazione di contenuti sorprendenti e coinvolgenti è la chiave; eppure ci sono molti account là fuori che riescono a costruire il loro seguito senza davvero prestare attenzione ai contenuti. Onestamente, mi frustra la merda vivente. Non fraintendetemi, non sto cercando di dipingermi come un santo qui, ho utilizzato personalmente le strategie di crescita. Bisogna distinguersi, altrimenti pubblicare una foto è come urlare nel buio. Credo che ci siano due gruppi qui; uno è quello che presta veramente attenzione al proprio pubblico, si preoccupa di generare valore e supporta i propri post con strategie di crescita e quelli che dipendono esclusivamente da strategie solo per crescere. Penso che il secondo gruppo di persone dia al primo una cattiva reputazione. Non stiamo più cercando la creatività, ma finiamo per giocare al gioco dei numeri quando difendiamo il nostro lavoro.

Immagine di @riyanadelrey

Originariamente pubblicato su www.thenyscene.net il 7 aprile 2018.