3 motivi per cui sono fuori di Instagram

Dopo 8 anni, questa app ora ha oltre un miliardo di abbonati e aumenta di giorno in giorno.

Questa cosa che ora chiamiamo IG o Insta è stata scaricata per la prima volta dagli utenti di iPhone nel 2010.

Anche JENNIFER ANISTON è su di esso ora e ha fatto davvero una grande notizia.

Se hai vissuto in una grotta e non hai sentito parlare di Instagram, è un'app mobile che ti consente di condividere foto e video. L'app si è evoluta in qualcosa come Snapchat in cui puoi caricare brevi video di ciò che accade alla tua giornata e quel video può essere visto dalla tua rete - può anche essere un post pubblico - solo per 24 ore.

Foto di Prateek Katyal su Unsplash

Mi sono imbarcato su Instagram nel 2012 con foto pixellate e / o vergognosamente modificate dal mio telefono. Instagram mi ha visto attraverso i miei viaggi, relazioni, amicizie più strette e la maggior parte degli eventi importanti della mia vita.

L'ho usato per circa 7 anni, continuamente, e mi sono fermato. Ecco i motivi per cui ho deciso di farlo.

Motivo n. 1:

Ho guadagnato mostri online chiamati troll all'inizio di quest'anno. I troll sono bulli digitali che, a causa dell'anonimato che Internet offre loro, provocano discussioni, combattono e abusano di altri utenti di Internet attraverso i loro commenti e messaggi.

I troll hanno iniziato a salvare le mie foto dal mio account IG, Facebook e persino un vecchio blog, per riutilizzarle nel loro account Troll.

Quel che è peggio, hanno usato la foto di una ragazza che mi assomiglia e sono stati pubblicati sulla nostra pagina aziendale di famiglia che gestisco e co-possiedo con i miei fratelli.

Stavano inviando link ad account Instagram di ragazze che, a quanto pare, uscivano con il ragazzo che stavo vedendo in quel momento. È stato terribile e ho avuto un malessere allo stomaco per quasi un mese.

Ero vittima di bullismo e questo mi ha fatto sentire vulnerabile e indifeso.

Motivo n. 2:

Ho iniziato a praticare lo yoga un po 'più seriamente. Con la funzione Storie IG, stavo scattando foto e video di me stesso mentre praticavo a casa.

Il tipo di yoga che pratico, Ashtanga, richiede agli studenti di esercitarsi da soli e di visitare regolarmente il loro insegnante in uno shala per essere "controllati" se stanno facendo le cose correttamente.

Mi sono sentito convalidato con ogni visione, tipo e cuore che stavo ricevendo dalle mie storie. Dopo un po ', ho iniziato a mettere in discussione la mia intenzione di praticare. È per approfondire la mia pratica o per mostrarmi ai miei amici? È così dire 'Ciao, pratico yoga e indosso un vestito carino oggi !!' A parte il fatto che Ashtanga è già di per sé difficile, ero distratto e non riuscivo a concentrarmi.

Mi chiedevo come non essere su IG possa influenzare la mia pratica, ne sono uscito.

Ha influenzato la mia pratica? Affatto. Sapere che non era un fattore nella mia pratica mi ha dato un'altra ragione per cui non ne avevo bisogno e il mio tempo può essere speso per altre cose.

Motivo n. 3:

Più mi sono approfondito nello yoga e sono davvero solo invecchiato (?!), Ho sviluppato una maggiore consapevolezza delle mie azioni.

Ho cercato di essere più deliberato con le mie decisioni se si tratta di dire "sì" a un pranzo di recupero con un amico o la quantità di alcol che bevo.

Sono diventato più esigente con il contenuto che consumo quotidianamente e le informazioni che spingo alle persone all'interno della mia cerchia di influenza.

Foto di Leon Biss su Unsplash

Leggere il libro Il minimalismo digitale di Cal Newport mi ha dato ancora più ragioni per ridurre il mio uso sui social media.

Nel suo libro parlava della solitudine che definiva uno "stato soggettivo in cui la tua mente è libera da input di altre menti".

Più momenti di solitudine, meglio è.

L'autore ha incoraggiato i lettori a usare le mani per creare, uscire di più, trascorrere del tempo con la natura, impegnarsi in profonde conversazioni con le persone a casa e nelle nostre comunità, riservare tempo a queste conversazioni invece di fare affidamento su "Mi piace" che danno noi un falso senso di connessione.

Quando ho smesso di scorrere sul telefono per vedere cosa stava succedendo alla vita dei miei amici e della mia famiglia, ho anche smesso di pensarci. Ho smesso di essere curioso di quello che sta succedendo. Non avevo più bisogno di essere aggiornato né informato.

Quando passo il tempo con i miei amici o la mia famiglia, chiedo cosa sta succedendo. Non controllo più i loro post online per sapere cosa stanno facendo. Quando qualcosa non fa parte della nostra conversazione, significa che non è importante.

Da allora, la mia mente ha avuto più spazio per pensare invece di consumare i pensieri e il contenuto degli altri. Sono diventato più produttivo. Ho letto più libri e scritto di più sul mio diario.

Ora preferisco connettermi con amici e parenti con le chiamate, incontri uno a uno e in realtà PARLARE e non scorrere.

La cosa incredibile di non essere su IG è che non mi manca un po '.

Consentitemi di concludere con la definizione di Cal Newport di cos'è il minimalismo digitale. Non si tratta di NON utilizzare i social media.

Il minimalismo digitale è una filosofia di utilizzo della tecnologia in cui concentri il tuo tempo online su un numero limitato di attività accuratamente selezionate e ottimizzate che supportano fortemente le cose che apprezzi, e quindi perdi felicemente tutto il resto.

Per il prossimo anno, prenderesti in considerazione l'idea di uscire dalla tua app di social media più usata per una settimana? Che ne dici di un mese? 6 mesi?

Non importa se sei dentro o fuori da Instagram. L'importante è come favorire le relazioni e trovare l'equilibrio tra presenza online e interazioni nella vita reale.