Tra pochi mesi sarà il 2009, e una tonnellata di cose è cambiata nel mondo dell'informatica negli ultimi dieci anni. Alcuni dei moderni progressi hanno dimostrato di essere un notevole miglioramento mentre altri producono ancora la stessa crapola che hanno fatto quasi dieci anni fa.

In questa puntata vedremo qualcosa che ognuno ha nel proprio computer, un'unità centrale di elaborazione, meglio conosciuta con la sua sigla CPU.

Nell'ultimo articolo scritto su questo su PCMech (che è stato molto tempo fa), i microprocessori sono stati discussi fino al 386, quindi inizieremo dal 486 ad oggi.

[Hidepost = 1]

~ ~ ~

486

Il processore Intel 80486, noto anche come i486 o appena 486 introdotto nel 1990, non è molto diverso dal 386 nel modo in cui funziona. Il 486 ha alcune istruzioni extra ma ha prestazioni di gran lunga superiori rispetto al 386. Cose come l'unità a virgola mobile su chip e il bus potenziato hanno reso il 486 un processore potente. Questo è stato un aggiornamento semplicissimo quando sono stati introdotti sul mercato.

Intel ha realizzato questo processore per molto tempo e lo fa ancora. Sebbene abbiano annunciato che la produzione cesserà alla fine di settembre 2007, è ancora prodotta per l'uso in produzione in sistemi embedded (vale a dire non per PC desktop ma altri sistemi più piccoli che non richiedono processori potenti) al momento della stesura di questo documento.

Pentium (586, 686, 786, 886)

Il processore Pentium è nominato come tale esclusivamente per il motivo per cui non è possibile proteggere un numero. In conformità con la legge, Intel ha deciso di utilizzare un nome che rappresenta il numero 5 liberamente usando "pent" all'inizio del nome del prodotto.

Ad esempio, Pentastar è un logo automobilistico Chrysler, chiamato come tale perché è una stella con 5 punti, da cui il "pent" nel titolo.

Poiché il processore Pentium è iniziato con il numero di modello 586, "pent" è stato utilizzato per rappresentare il 5 in 586.

Tuttavia, tenere presente che il nome Pentium viene utilizzato per rappresentare molti microprocessori Intel ben dopo il 586.

I primi processori Pentium furono rilasciati nel 1993, con clock e con offerte a 60 e 66MHz. Detto onestamente, la maggior parte delle persone non ha visto la necessità di aggiornare al momento il 486 potrebbe ancora fare bene il lavoro (ricorda, questo è prima di Windows 95).

Il punto in cui la maggior parte delle persone ha acquistato nuovi computer o aggiornato i propri sistemi esistenti è dopo il 1995. Intel a quel tempo disponeva di processori Pentium a 120 MHz e 133 MHz a quell'anno.

La cronologia dei processori Pentium va così (dal 1996 in poi):

  • 1996 - Pentium II1997 - Pentium MMX1998 - Celeron1999 - Pentium III2000 - Pentium IV, Celeron II2008 - Intel Core

AMD

Anche la società AMD ha avuto la sua giusta quota di offerte nel corso degli anni, seguendo da vicino insieme a Intel.

Tradizionalmente, i processori AMD hanno sempre un prezzo inferiore rispetto a Intel, che è ciò che li rende inizialmente attraenti per i potenziali acquirenti. Inoltre ci sono più di alcuni che giurano su AMD in quanto "solo i processori che useranno mai". La scelta della scelta è sempre a carico dell'acquirente (tu). Quando si costruisce un PC, fino ad oggi, andare con AMD di solito ti dà le stesse prestazioni con meno costi.

Inoltre, AMD ha avuto diversi primati davanti a Intel. Vedi l'elenco sotto per i dettagli.

  • 1995 - AMD-K51997 - AMD-K61998 - AMD-K6-2 e AMD-K6-3 e AMD Athlon1999 - La serie AMD Athlon diventa il primo microprocessore di settima generazione per Microsoft Windows computing.2000 - Introduzione di AMD Duron, AMD prima di battere 1000MHz con processore AMD Athlon, introduzione di AMD Athlon MP2003 - introduzione di Opteron / Athlon 642004 - introduzione di Athlon XP-M (a bassa potenza dal design e lento ma degno di nota) 2005 - AMD presenta il primo processore dual core x86 al mondo e introdotto Athlon 64 X2 .2007 / 2008 - Fenomeno

Cosa è cambiato, cosa no

Ciò che è cambiato di più con i processori non è necessariamente la velocità, ma piuttosto quante attività può svolgere. La tecnologia multi-core viene spinta con forza da tutti i produttori di processori come "la strada da percorrere", quindi invece di vedere processori single core da 5 GHz, un processore a due core da 2,5 GHz sarebbe teoricamente in grado di svolgere gli stessi compiti - e farli meglio impiegando più multi-threading.

Intel ha già prodotto un processore a 80 core da banco di prova - e ha funzionato. Questo è un risultato fantastico. Vedremo mai processori a 80 core sui nostri desktop? Forse, ma non per molti anni. Tuttavia sarebbe realistico vedere processori a 16 core su nuovi computer domestici prima del 2015.

Ciò che non è cambiato è che la tecnologia di prima generazione ha ancora dimostrato di essere buggy o "par" al massimo. Ogni volta che viene introdotto un nuovo tipo di processore, di solito non è ampiamente supportato. Quindi, anche se hai l'ultima o la più grande cosa, potrebbero volerci da sei mesi a un anno prima che il software (incluso il tuo sistema operativo) riesca.

Una regola generale è quella di non acquistare la tecnologia di prima generazione. Un buon esempio di ciò è la serie Core 2 di Intel. La prima versione si chiamava "Conroe", la seconda "Allendale". L'Allendale è tanto più desiderabile perché la cache L2 non è disabilitata. Allendale fu rilasciato poco dopo Conroe, quindi ne valeva la pena aspettare per ottenerlo.

L'attuale serie Core 2 al momento della stesura di questo articolo è la Yorkfield, essendo un design quad-core dual-die e il più veloce del lotto - fino ad ora.

Note finali

Come notato sopra, non si tratta necessariamente di velocità a questo punto, ma quanto può gestire un processore per la sua capacità multitasking.

Quando acquisti un processore, ti consigliamo vivamente di acquistarne uno che abbia sia la velocità sia il miglior multitasking. Il risultato finale sarà un processore che puoi conservare per almeno 3-5 anni prima che diventi obsoleto.

Con Intel, spenderai di più, ma al momento è la compagnia migliore per quanto riguarda il tuo acquisto. Inoltre, è più supportato rispetto al rivale AMD.

Se il risparmio sui costi è tutto ciò che stai cercando, AMD ti servirà bene.

[/ Hidepost]